Mighty Directory the #1 Web Directory & Business Directory online.

Gran Consiglio della Forchetta

Home Gran Consiglio della Forchetta

Gran Consiglio della Forchetta

Rated: 2.50 / 5 | 942 listing views

united-states

 

General Audience

  • Cuoco Goffredo
  • January 31, 2018 06:28:39 PM
SHARE THIS PAGE ON:

A Little About Us

Full of italian traditional and regional recipes. A guide of the best italian wine.

Listing Details

Listing Statistics

Add ReviewMe Button

Review Gran Consiglio della Forchetta at Mighty Directory Web Directory

Add SEO Score Button

My Mighty Directory Web Directory Score

Google Adsense™ Share Program

Alexa Web Ranking: 5,219,694

Alexa Ranking - Gran Consiglio della Forchetta

Example Ad for Gran Consiglio della Forchetta

This what your Gran Consiglio della Forchetta website listing Ad will look like to visitors! Of course you will want to use keywords and ad targeting to get the most out of your ad campaign! So purchase an ad space today before there all gone!

https://www.mightydirectory.com

.

notice: Total Ad Spaces Available: (2) ad spaces remaining of (2)

Advertise Here?

  • Website listing specific ad placement
  • Customize the title link
  • Place a detailed description
  • It appears here within the content
  • Approved within 24 hours!
  • 100% Satisfaction
  • Or 3 months absolutely free;
  • No questions asked!

Subscribe to Gran Consiglio della Forchetta

Cicatelli con le melanzane

I cicatelli con le melanzane sono l'espressione pugliese della pasta alle melanzane, diffusa pressoché in tutto il Sud Italia e che in ogni territorio si adatta ai formati di pasta tipici locali. I cicatelli, in alcune zone anche chiamati capunti, sono un formato di pasta fresca, ottenuto strascinando con tre o quattro dita piccole piccole porzioni di impasto su una tavola e lasciandole richiudere su se stesse. Ottimi tutto l'anno, i citalli alle melanzane sono buoni soprattutto nel periodo...

Cicatelli con le melanzane

Cicatelli con le melanzane

Durata 30 min

Difficoltà Intermedia

Origine Puglia

cicatelli con le melanzane sono l’espressione pugliese della pasta alle melanzane, diffusa pressoché in tutto il Sud Italia e che in ogni territorio si adatta ai formati di pasta tipici locali. I cicatelli, in alcune zone anche chiamati capunti, sono un formato di pasta fresca, ottenuto strascinando con tre o quattro dita piccole piccole porzioni di impasto su una tavola e lasciandole richiudere su se stesse. Ottimi tutto l’anno, i citalli alle melanzane sono buoni soprattutto nel periodo estivo quando si possono utilizzare le melanzane di stagione e i pomodori freschi, maturati al sole.

Vino in abbinamento: Gioia del Colle Rosso DOC

Ingredienti

Ingredienti per 4 persone:

  • 360 gr di Cicatelli
  • 1 Melanzana
  • 400 gr di Pomodori maturi
  • Basilico
  • 1 spicchio d’aglio
  • Ricotta secca stagionata
  • Olio extravergine di Oliva
  • Sale

Preparazione

Per prima cosa, prendete le melanzane, lavatele e mondatele e poi tagliatele a tocchettini. Fateli friggere in una padella con abbondante olio e poi una volta ben fritti, toglieteli dall’olio di cottura e lasciateli asciugare sopra un panno di carta assorbente, in modo da rimuovere l’unto in eccesso.

Adesso prendete un tegame o una padella, aggiungete un fondo di olio extravergine di oliva ed uno spicchio d’aglio scamiciato. Lasciate rosolare l’aglio nell’olio per qualche minuto e poi versateci dentro i pomodorini maturi, dopo averli lavati e mondati e tagliati a pezzetti. Se i pomodori sono di piccole dimensioni come ciliegini o datterini, lasciateli in parte interi. Fateli cuocere per circa 5 minuti, in modo da farli leggermente passire, poi aggiungete un po’ di sale e qualche foglia di basilico, e continuate la cottura a fuoco lento e con il coperchio per circa 20 minuti.

Nel frattempo mettete a bollire una pentola di acqua. Quando raggiungerà il bollore, versateci dentro una presa di sale grosso e poi versateci i cicatelli. Portate avanti la cottura e poi scolateli. Versate i cicatelli nella padella con il sugo di pomodoro aggiungendo anche i tocchetti di melanzana fritti. Fate saltare il tutto a fiamma viva e mescolate per qualche minuto e poi servite.

Aggiungete una bella grattata di ricotta secca stagionata e qualche foglia di basilico fresco per guarnire.


Ciccioneddos (Gnocchetti sardi) con pancetta e pomodorini gialli

I Ciccioneddos (Gnocchetti sardi) con pancetta e pomodorini gialli, sono uno dei moltissimi modi con cui si possono condire questo tipico formato di pasta della Sardegna. La loro forma piccola e rotonda, simile a dei semi di cereali permettono di poterli cuocere utilizzando la tecnica della "risottatura". Cioè i ciccioneddos vengono cotti come si prepara un bel risotto, direttamente nel tegame, magari con del brodo e ad insaporirsi lentamente con il condimento. In questa ricetta vediamo come...

Ciccioneddos (Gnocchetti sardi) con pancetta e pomodorini gialli

Ciccioneddos (Gnocchetti sardi) con pancetta e pomodorini gialli

Durata 50 min

Difficoltà Facile

Origine Sardegna

Ciccioneddos (Gnocchetti sardi) con pancetta e pomodorini gialli, sono uno dei moltissimi modi con cui si possono condire questo tipico formato di pasta della Sardegna. La loro forma piccola e rotonda, simile a dei semi di cereali permettono di poterli cuocere utilizzando la tecnica della “risottatura”. Cioè i ciccioneddos vengono cotti come si prepara un bel risotto, direttamente nel tegame, magari con del brodo e ad insaporirsi lentamente con il condimento. In questa ricetta vediamo come prepararli proprio in questo modo

Vino in abbinamento: Cannonau di Sardegna DOC

Ingredienti

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 gr di Ciccioneddos (gnocchetti sardi)
  • 100gr di Pancetta
  • 500 gr di Pomodorini Gialli
  • Zafferano (opzionale)
  • 1/2 Cipolla
  • Pecorino sardo grattugiato
  • 1 litro di brodo di verdure
  • Olio extravergine di Oliva
  • Sale

Procedimento

Procuratevi un tegame o una bella padella dai bordi alti, aggiungete un filo di olio extravergine di oliva, la pancetta tagliata a striscioline e mezza cipolla tritata finemente. Lasciate rosolare per bene il tutto finchè la pancetta non risulterà leggermente imbrunita.

Ciccioneddos (Gnocchetti sardi) con pancetta e pomodorini gialli 01

A questo punto, aggiungete i pomodorini gialli tagliati a pezzettini, e lasciateli cuocere a fuoco medio facendoli leggermente passire in modo da rilasciare un po’ di sugo.

Ciccioneddos (Gnocchetti sardi) con pancetta e pomodorini gialli 02

A questo punto aggiungete direttamente i ciccioneddos nel tegame, mescolando per bene facendoli rosolare ed insaporire con il condimento. Questo per un paio di minuti. Poi aggiungeteci una o due mestolate di brodo e procedete con la cottura. Magari aggiungendo anche un po’ di sale.

Fate assorbire lentamente il brodo aggiunto dai ciccioneddos e poi aggiungete altro brodo fino al termine della loro cottura. Quasi verso la fine sciogliete un po’ di zafferano ad una mestolata di brodo ed aggiungetelo al tegame. Quando i ciccioneddos risulteranno cotti, spegnete e fate assorbire l’ultimo brodo rimasto fino rendere il condimento asciutto. Poi servite con abbondante pecorino sardo grattugiato.


Ciccioneddos (Gnocchetti sardi)

I Ciccioneddos, noti come gnocchetti sardi, si differenziano dai Malloreddos per la forma più arrotondata, mentre quest'ultimi hanno le estremità più allungate. I Ciccioneddos sono gli "gnocchetti sardi" tipici del nord dell’isola. L'impasto si caratterizza per il fatto che coltre alla semola di grano duro, si dovrebbe aggiungere dello...

Ciccioneddos (Gnocchetti sardi)

Ciccioneddos (Gnocchetti Sardi)

Sardegna

I Ciccioneddos, noti come gnocchetti sardi, si differenziano dai Malloreddos per la forma più arrotondata, mentre quest’ultimi hanno le estremità più allungate. I Ciccioneddos sono gli “gnocchetti sardi” tipici del nord dell’isola. L’impasto si caratterizza per il fatto che coltre alla semola di grano duro, si dovrebbe aggiungere dello zafferano.

Le ricette con cui si preparano i ciccioneddos, sono pressochè le stesse dei Malloreddos, e quindi li possiamo trovare spesso conditi con sughi di salsiccia. La loro piccola dimensione e la forma arrotondata permettono di essere cotti “risottati” direttamente in padella, senza lessarli in abbondante acqua salata.

Ricette con i Ciccioneddos (Gnocchetti Sardi)


Ferrazzuoli (Maccheroni al Ferretto)

Ferrazzuoli (Maccheroni al ferretto) Calabria I Ferrazzuoli, più noti come maccheroni al ferretto, sono un formato di pasta tipico calabrese

Ferrazzuoli

Ferrazzuoli (Maccheroni al ferretto)

Calabria

I Ferrazzuoli, più noti come maccheroni al ferretto, sono un formato di pasta tipico calabrese ottenuto da un impasto di farina di grano duro e acqua. Dall’impasto si ottiene una sfoglia che poi viene suddivisa a striscioline. Quest’ultime vengono attorcigliate intorno ad un bastoncino o un ferretto (tipo quelli per fare la maglia). Poi si sfilano e li lasciano seccare in modo da fargli mantenere la forma.

Questo particolare formato di pasta lungo e cavo si adatta bene per condimenti ricchi con sughi a base di pomodoro ed insaporiti con carni di maiale, vitello o agnello.

Ricette con i Maccheroni al Ferretto o Ferrazzuoli


Fileja

La fileja è un formato di pasta fresca tipica della Calabria in particolare della zona di Vibo Valenzia. L'impasto è a base di acqua e semola di grando duro, poi una volta ridotto a striscioline, viene avvolto lungo dei bastoncini di legno attorcigliandolo e poi sfilandolo via. Si lascia essiccare lentamente e si ottiene questo particolare formato di pasta che ben si adatta a sughi di pomodoro insaporito con ragù di carne o di pesce....

Fileja

Fileja

Calabria

La fileja è un formato di pasta fresca tipica della Calabria in particolare della zona di Vibo Valenzia. L’impasto è a base di acqua e semola di grando duro, poi una volta ridotto a striscioline, viene avvolto lungo dei bastoncini di legno attorcigliandolo e poi sfilandolo via. Si lascia essiccare lentamente e si ottiene questo particolare formato di pasta che ben si adatta a sughi di pomodoro insaporito con ragù di carne o di pesce.

Il piatto più tipico con questo formato di pasta è la fileja con la nduja, dato che questo formato di pasta è perfetto per essere condito con insaccati, spesso piccanti, di cui la Calabria vanta una lunghissima tradizione.

Ricette con i Fileja

Fileja con salsiccia piccante

Fileja con salsiccia piccante


Polpettone farcito con formaggio e prosciutto cotto

Uno dei secondi di carne più apprezzati e preparati in tutta Italia è il polpettone. Semplice da preparare, ricco e saporito, il polpettone è da sempre presente sulle nostre tavole in migliaia di versioni, ognuna adattata ai diversi gusti. La carne macinata con cui viene preparato è generalmente quella di manzo, ma può essere mischiata o sostituita con altre carni come agnello, maiale, pollo o tacchino. Inoltre si può anche farcire riempiendolo con altri ingredienti, come per esempio il...

Polpettone prosciutto e formaggio

Polpettone farcito con formaggio e prosciutto cotto

Durata 10 min

Difficoltà intermedia

Origine Interregionale

Uno dei secondi di carne più apprezzati e preparati in tutta Italia è il polpettone. Semplice da preparare, ricco e saporito, il polpettone è da sempre presente sulle nostre tavole in migliaia di versioni, ognuna adattata ai diversi gusti. La carne macinata con cui viene preparato è generalmente quella di manzo, ma può essere mischiata o sostituita con altre carni come agnello, maiale, pollo o tacchino. Inoltre si può anche farcire riempiendolo con altri ingredienti, come per esempio il polpettone farcito con formaggio e prosciutto cotto, una ricetta che lo rende ancora più saporito e cremoso e filante all’interno.

Ingredienti

Per 4 persone:

  • 500 gr di carne di manzo macinata
  • 200 gr di Pane ammollato
  • Pangrattato q.b.
  • 1/2 spicchio d’aglio
  • 1 Uovo
  • 100 gr di Formaggio grattugiato
  • 100 gr di Prosciutto cotto
  • 100 gr di Formaggio filante come fontina, sottilette o emmental
  • 1/2 carota
  • 1 gambo di sedano
  • prezzemolo
  • 1 cipolla
  • Olio extravergine di oliva
  • Noce moscata
  • 1/2 litro brodo vegetale
  • Pepe
  • Sale

Procedimento

Mettete la carne macinata di manzo in una grossa ciotola o contenitore, e poi aggiungeteci la mollica di pane precedentemente ammollato, ben strizzata e sbriciolata. Grattateci dentro mezzo spicchio d’aglio (potete triturarlo). Poi aggiungete un uovo,un pizzico di sale, una grattata di pepe e se vi piace anche una grattata di noce moscata.

Cominciate ad impastare tutti gli ingredienti fino a far amalgamare per bene il tutto, poi aggiungete gradualmente il formaggio grattugiato. Mentre mescolate cominciate a controllare la consistenza dell’impasto, se dovesse risultare troppo liquido, aggiungete del pangrattato fino ad ottenere una bella consistenza asciutta ed un impasto ben lavorabile.

Polpettone prosciutto e formaggio 03

Quando avete ottenuto un bell’impasto omogeneo e ben lavorabile, stendete un foglio di carta da forno e su di esso distribuite l’impasto del polpettone creando uno strato di circa 1 cm di spessore. Appiattitelo per renderlo ben compatto. Poi stendeteci sopra nella parte centrale uno strato di fette di prosciutto cotto. E poi sopra ancora, uno strato di fette di formaggio filante, potete distribuirlo a fette, oppure tagliato a scaglie o a pezzettini (cercate però di formare uno strato che non abbia molto spessore.

Aiutandovi con la carta da forno cominciate ad arrotolare il tutto da una delle due estremità. Effettuate l’operazione molto delicatamente per evitare la rottura del polpettone. Poi una volta avvolto per bene, compattate il polpettone, fino ad ottenere la classica forma. Richiudete i bordi esterni arrotondandoli.

Polpettone prosciutto e formaggio 06

Adesso che il polpettone è pronto, procuratevi un bel tegame capiente e aggiungete un fondo di olio extravergine di oliva, ed aggiungete una cipolla, mezza carota, la costa di sedano ed il prezzemolo tutti tritati finemente. Fateli rosolare per bene fino ad ottenere l’imbiondimento del soffritto e a questo punto aggiungete il polpettone. Fatelo rosolare per bene da ogni parte della superficie.

Una volta che la superficie del polpettone sarà ben rosolata, abbassate la fiamma, aggiungete un paio di mestoli di brodo vegetale o di acqua e coprite con un coperchio. Continuate la cottura a fiamma bassa per circa 20 minuti (il tempo qui è indicativo, il tempo può variare a seconda dello spessore del polpettone).

Polpettone prosciutto e formaggio 09

Quando il polpettone sarà cotto, togliete il coperchio e versate il polpettone su di un vassoio per tagliarlo a fette. Versate un altro mestolo di brodo sul fondo della padella (o anche del vino bianco) e a fiamma alta recuperate per bene il fondo, aggiungendo anche un cucchiaio di farina. In questo modo otterrete un bella salsetta bruna e saporita con cui condire ed insaporire il polpettone. Per rendere uniforme la salsa, o la passate con un minipimer.


Link to Category: Directories

Or if you prefer use one of our linkware images? Click here

Social Bookmarks


Available Upgrade

If you are the owner of Gran Consiglio della Forchetta, or someone who enjoys this website why not upgrade it to a Featured Listing or Permanent Listing?